Tata - Tempo

Per crescere ci vuole tempo

Quello del bambino è un tempo lento, senza fretta, perché necessario al suo sviluppo. Ma è giusto rallentare insieme a lui?

Per crescere ci vuole tempo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email
Tata - Tempo
Quello del bambino è un tempo lento, senza fretta, perché necessario al suo sviluppo. Ma è giusto rallentare insieme a lui?

Tempo. I bambini non ne hanno mai abbastanza, e se potessero esprimere un desiderio di certo chiederebbero più tempo. Così come i genitori, che sembra vadano sempre di fretta: «Muoviti!», «Non c’è tempo!», «Un’altra volta!», «Non adesso!».
È vero, il ritmo serrato cui “costringe” la società contemporanea non è allineato al ritmo lento e naturale che vorrebbero seguire i bambini. Loro non conoscono la fretta, l’urgenza o la necessità di rimandare. Fin verso i sei anni il loro ritmo è guidato dall’interno, dal desiderio di gustarsi le esperienze sino in fondo perché necessarie al loro sviluppo ottimale, e forzare i tempi (accelerando o rinunciando ad alcune cose) è difficilissimo. 

A camminare e parlare imparo da me

All’inizio della propria vita, il bambino inizia un percorso di acquisizione della capacità di camminare, così come di parlare in modo lento e graduale, e a circa tre mesi compie i primi spostamenti posturali per divenire competente nel girarsi (supino/prono).  Questo esercizio, che potrebbe apparire semplice e banale agli occhi di chi già cammina abilmente, è uno step fondamentale (come molti altri) per diventare abili nella deambulazione. Il bambino trascorre quindi molto tempo ad accennare i movimenti, impiegando settimane, mesi, prima di essere in grado di girarsi abilmente, e ci metterà circa un anno per camminare. Così come gli ci vorranno circa due anni e mezzo per imparare a comunicare tramite il linguaggio verbale, fino a quando, verso i 5 anni, tale competenza non sarà affinata. Durante questo esteso lasso di tempo il piccolo vivrà delle conquiste importanti come la lallazione, le protoconversazioni, le parole diffuse e così via.
Il tempo è fondamentale e, per fortuna dei bambini, è difficile mettere fretta a un bambino affinché impari a camminare e parlare più velocemente. Anche perché, se si riuscisse a farlo, si otterrebbe un risultato opposto a quello atteso.

Fare, rifare e fare ancora

Lo stesso bisogno di fare con calma di cui abbiamo parlato poco fa, sarebbe opportuno che fosse garantito al bambino anche per le sue competenze manuali e la sua autonomia. I bambini, per esempio, “fanno per fare”, non per ottenere qualcosa, e quindi lavano le mani non per farle diventare pulite, ma per il piacere di lavarle. Non a caso, appena conclusa l’operazione, vorrebbero ripeterla immediatamente, anche se spesso vengono fermati dall’adulto che non ne comprende il motivo. La motivazione, in realtà, risiede nell’esercizio e nell’affinamento di una competenza che, per essere acquisita e padroneggiata, deve essere svolta, ripetuta, e svolta ancora. 

I gesti affascinanti delle mani della mamma che indossano le scarpette per gioco, per esempio, potrebbero far venire voglia al bambino di imitare quelle movenze, e così, appena indossate ai piedi, magari quando è già sull’uscio di casa, il piccolo toglie le scarpe per poterle infilare sulle mani. O ancora, i bambini passeggiano per passeggiare, non per arrivare a una destinazione. E così, ogni qualvolta sia possibile, sarebbe importante favorire quel lavoro che è fine a se stesso, apparentemente senza scopo, ma fondamentale per crescere competenti e sereni.

È tempo di fare scorte di affetto

Tata - Tempo

I primi 9 mesi di vita vengono definiti “esogestazione”, ossia il tempo strettamente necessario al bambino per adattarsi alla vita fuori utero: in questo periodo egli necessita di quella stretta vicinanza fisica e affettiva con la madre affinché cresca  sicuro, protetto e certo di essere amato. Se questo tempo viene garantito e custodito, il bambino farà una “scorta d’affetto” necessaria ad avviare la sua esplorazione del mondo. Durante gli anni successivi, poi, per molto tempo, il bambino tornerà a quella condizione di protezione e di calore (le braccia materne e paterne) ogni volta che ne sentirà il bisogno. Se verrà accolto, sarà lui stesso a dimostrare questa necessità, che andrà gradualmente diminuendo man mano che diventerà autonomo nel gestire preoccupazione, frustrazione, rabbia o tristezza. Prendere in braccio i bambini quando lo desiderano, così come dormire vicini a loro se richiesto, non è un vizio, ma un atto di amore incondizionato che consentirà al bambino di crescere fiducioso in se stesso e negli altri. 

Rallentare si può. Non sempre, ma si può

Qualche genitore potrebbe obiettare che non è sempre possibile favorire il tempo lento del bambino, che ci sono delle incombenze, impegni, orari che non possono essere ignorati. Certo, questo è vero. Ma esistono anche altri momenti durante i quali è possibile rallentare per seguire il bambino: magari solo un paio d’ore nella giornata, durante il weekend o le vacanze. In queste finestre temporali dove si può scegliere a quale velocità “viaggiare” si potrebbe dar modo al bambino di dettare il  passo. 

Per esempio si può provare e partire da casa per fare una passeggiata, senza prefissarsi una meta, ma lasciandosi condurre a passeggio da un bimbo di un paio d’anni, concedendogli di sostare a ogni formica che incontra, di salire su ogni scalino, di osservare il fondo di una grata, o di raccogliere foglie e rametti. Allo stesso modo, quando si rientra a casa, momento in cui non dovrebbe esserci la stessa fretta che in uscita, permettete al bambino di spogliarsi in autonomia, restando a osservarlo e supportandolo dove occorre. O ancora, si può concedere a un bimbo curioso e chiacchierone di 7 anni di ricevere e cercare insieme tutte le risposte ai suoi interrogativi: invece di sentenziare «Non ho tempo», si può provare a dire «Cerchiamo la risposta», e sarà occasione per entrambi di scoprire cose nuove: quanti vulcani ci sono nel mondo, che verso fa il tapiro, perché i fiori sono colorati o quanto sono lontane le stelle e chissà cos’altro. 

Sperimentare la velocità di cammino dei bambini sarà l’occasione per gustarsi le esperienze fino in fondo, lasciandosi coinvolgere dagli eventi che vivono. È in questa dimensione che si favorisce la concentrazione, stato mentale dove può nascere l’apprendimento, quello spontaneo, conquistato con gioia ed entusiasmo. 

Ti piace quello che stai leggendo? Condividilo con chi vuoi!
Tata - Tempo

Per crescere ci vuole tempo

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Lascia un commento

Privacy Policy – © 2020 Filo Srl – All rights reserved Filo Srl – Via Marsala 29 H/I, 00185 Rome (RM) – Italy P.IVA/CF:13008741004 – REA: RM – 1417094 – S.C. € 18.178,83